Il Blog di ForteVersilia - ForteVersilia Agenzia Immobiliare

Benvenuta/o
Logout




Vai ai contenuti

CROWDFUNDING IMMOBILIARE

ForteVersilia Agenzia Immobiliare
Pubblicato da in Istituzionale · 13 Dicembre 2019
Tags: CROWDFUNDINGIMMOBILIARE

CROWDFUNDING IMMOBILIARE



Il termine Crowdfunding deriva dall'inglese “crowd” (letteralmente folla, massa) e “funding” (raccolta fondi).

I primi accenni al crowdfunding si hanno negli USA nella seconda metà degli anni Novanta quando iniziano a diffondersi online alcune raccolte fondi per progetti di beneficenza.
A distanza di circa 10 anni, nei primi anni del nuovo millennio, nascono  portali web attraverso i quali era possibile erogare piccoli prestiti ma fu solo dopo il 2010 che il crowdfunding si afferma diffondendosi in maniera massiccia grazie anche alle piattaforme che il web mette a disposizione.



La realtà italiana consentiva di trovare investitori attraverso l'utilizzo del crowdfunding solo alle startup innovative ma, nel 2017, con la modifica dell'art. 50 del decreto legge del 24 aprile, anche in Italia si aprono le strade per l'utilizzo di questo strumento a tutte le PMI, spalancando di fatto le porte a tutti i settori, compreso quello immobiliare.

Uno strumento innovativo per investire nel mattone comodamente dal proprio divano!
Ma come funziona?
Vediamolo insieme nel dettaglio.

Come abbiamo già accennato, sono molte le piattaforme disponibili online che permettono di scegliere il prodotto/progetto finanziario che riteniamo più interessante per investire il nostro denaro.

Questi portali si dividono principalmente in due grandi categorie:
“Equity based” e “Lending based”.



Il sistema “Equity based” permette al finanziatore di acquistare le quote della società e il rendimento è generato quindi, nel caso specifico del mercato del real estate, dalla rivendita dell'immobile.
In questo modo non si fa altro che investire in una società andando ad annullare tutti i costi di gestione tipici di un fondo di investimento ed entrando di fatto, proporzionalmente al capitale investito, nella società.


Nei modelli “Lending based” invece, chi investe nel progetto, diventa titolare di un diritto di credito.
In altre parole, in questo caso, non si diventa soci della società che svolgerà l'operazione ma, in cambio del denaro investito, si ottiene il diritto alla restituzione della somma versata entro la data di scadenza e al tasso di interesse precedentemente stabilito.

Con la “rivoluzione” del crowdfunding finalmente tutte le persone che hanno il desiderio di investire nel settore immobiliare hanno la possibilità di farlo anche con piccoli capitali grazie alle numerose piattaforme disponibili online.

Alcuni esempi:
Walliance (equity crowdfunding): la piattaforma Walliance imposta come minimo di investimento una cifra pari a 500 € ed essendo una piattaforma equity based, come dicevamo qualche riga sopra, si diventa soci della società e si percepiranno delle quote proporzionali al capitale investito.
Nel caso in cui l'immobile non venga venduto nelle tempistiche prestabilite, l'importo investito sarà restituito.

Trusters (lending crowdfunding): per la piattaforma Trusters servono invece almeno 100€ per iniziare.
Realtà specializzata su investimenti principalmente localizzati sul territorio italiano.

Housers (lending crowdfunding): questa piattaforma permette di investire in progetti immobiliari a partire da soli € 50.
Si può scegliere tra 3 differenti tipologie di opportunità: investimenti in prestiti su progetti immobiliari con rendimenti basati sulla locazione e sulla vendita dell'immobile, investimenti nelle ristrutturazioni o nelle nuove costruzioni, investimenti in prestiti concessi a società di sviluppo immobiliare per nuove costruzioni.


La scelta è ampia e le possibilità sono infinite e davvero alla portata di tutti i portafogli basta aprire internet e spulciare tra le offerte proposte dai vari portali.

Adesso che abbiamo introdotto l'argomento del crowdfunding non vediamo l'ora di sapere cosa ne pensate!

Avete già avuto modo di sperimentare questa forma di investimento?
Sareste curiosi finanziare un progetto innovativo attraverso questo strumento?

Fateci sapere la vostra commentando qui sotto e condividete con noi le vostre esperienze ed impressioni!


Nessun commento
Torna ai contenuti